function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Pro e contro la distruzione di un importante "scarto"
Immagini articolo
Raccogliere la plastica?
Meglio ridurne il consumo
ANDREA STERN


Riciclare la plastica fa bene allo spirito. Ma, forse, non all’ambiente. "È una falsa soluzione - sostiene Philipp Rohrer, esperto di rifiuti di Greenpeace Svizzera -. I sacchi per la raccolta della plastica finiscono per causare più danni che benefici".
Andatelo a dire a Bellinzona, il primo comune ticinese ad aver introdotto il Sammelsack, il sacco per la raccolta degli scarti domestici in polietilene. Lì i risultati parrebbero essere positivi, a giudicare dalla recente analisi effettuata da EcoControl Sa. Nel primo anno sono state raccolte 160 tonnellate di plastica, circa il 16% del consumo cittadino. Un’adesione giudicata "buona" da Ecocontrol, soprattutto se paragonata alla molto più tiepida accoglienza ottenuta dal Sammelsack in altre realtà a nord delle Alpi.
Di tutta la plastica raccolta si calcola che almeno il 36,5% abbia potuto essere riciclato, in un centro specializzato nel canton Turgovia, dopo una tappa in Austria per la separazione dei materiali. "Il beneficio non è enorme - osserva lo studio di EcoControl - ma è comunque un beneficio". Ed è da questa prospettiva che Okkio, l’Osservatorio per la gestione sostenibile dei rifiuti, è a favore del Sammelsack auspicandone l’introduzione "in tutta la Svizzera". In questo modo, spiega Okkio, si raggiungerebbe la sufficiente massa critica per la creazione di un centro di separazione automatica della plastica in Svizzera, rendendo superfluo lo sconfinamento in Austria.
Tuttavia non è tutto oro ciò che luccica. La stessa EcoControl riconosce che "il rendimento nel riciclaggio delle plastiche non è ancora ottimale". E che ad ogni modo "il beneficio ambientale del riciclaggio delle plastiche a Bellinzona, con una raccolta di 3,65 kg per abitante, equivale allo 0,01% dell’impatto totale causato da una persona in un anno".
Poco o niente. Vi è poi un altro aspetto che suscita interrogativi, ovvero "l’incertezza sulle destinazioni finali di parte delle plastiche raccolte". Poco meno del 30% del contenuto dei Sammelsack bellinzonesi viene infatti esportato, dopo la separazione, verso mete spesso ignote. "Questa è la grande domanda - dice Rohrer -. Cosa succede con la plastica che viene raccolta nei sacchi? Oggi sappiamo che una parte finisce comunque per essere incenerita. Un’altra viene inviata all’estero. Mentre la parte che viene effettivamente riciclata finirà prima o poi per essere anch’essa incenerita, visto che la plastica perde in fretta le sue qualità. Non è un materiale come il vetro, ad esempio, che può essere riciclato parecchie volte senza subire particolari variazioni".
Inoltre, aggiunge Rohrer, c’è l’aspetto psicologico. "I sacchi per il riciclaggio - spiega - danno l’impressione che la plastica sia diventata un materiale neutro, che la si possa consumare e smaltire senza effetti sull’ambiente. Purtroppo la realtà è tutt’altra. Vi è un solo modo per ridurre l’impatto nocivo della plastica: ridurne l’utilizzo. E questo possono farlo sì i consumatori, ma anche, e forse in primo luogo, le imprese".
astern@caffe.ch
19.12.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00