Società & Civiltà
Immagini articolo
La quantità non dà
"credito" al sapere
FRANCO ZAMBELLONI


Un'iniziativa parlamentare del gruppo Ppd chiedeva, pochi mesi or sono, di definire per legge l'obbligatorietà dell'aggiornamento dei docenti. Proposta ragionevole, anzi, apparentemente ovvia, poiché è chiaro che la professionalità del docente - come di molte altre categorie - richiede anche un aggiornamento costante; tant'è vero che la legge attuale ne fa menzione, ma lo lascia alla responsabilità individuale dell'insegnante. Adesso, invece, l'iniziativa parlamentare vuole definirne l'obbligatorietà e, naturalmente, prevede di "monitorare" regolarmente l'osservanza dell'obbligo.
In che modo? "Indicando in modo vincolante il numero di crediti certificati da dedicare annualmente ai corsi di aggiornamento". È un segno dei tempi: la "qualità" va certificata e lo si fa con criteri quantitativi, con quella specie di raccolta-punti che oggi si chiamano "crediti". In passato il docente responsabile e serio si teneva aggiornato nel modo più ovvio e proficuo: leggendo libri, studiando. Ma si capisce che "certificare" le letture fatte da un insegnante è molto più difficile che rilasciare un timbro di frequenza al termine di un corso: in primo luogo occorrerebbe che il "certificatore" avesse lui stesso letto molto - cosa non sempre scontata - e poi la verifica richiederebbe tempo, impegno e competenza. Molto più spiccio e comodo rilasciare un attestato di frequenza: vale tot crediti, se in un biennio o in un quadriennio ne hai collezionati molti sei un bravo docente, altrimenti, se hai perso tempo a leggere libri, non lo sei. Se poi hai frequentato svogliatamente i corsi d'aggiornamento, o magari hai assicurato la sola presenza fisica mentre la mente vagava altrove, poco importa: i crediti te li sei guadagnati.
Mi dicono che un simile passaggio da una valutazione qualitativa alla certificazione burocratica sta dilagando anche in altre professioni: ad esempio, tra il personale ospedaliero. Se un medico o un infermiere redige i rapporti  e compila i formulari richiesti, se rispetta scrupolosamente gli orari di lavoro e la prassi codificata, allora è un bravo professionista; se poi dedica tempo extra al capezzale del malato perché la cura del paziente e la dedizione al lavoro lo richiedono, questo passa inosservato. E pensare, invece, che il contatto umano, la solidarietà con chi soffre, un piccolo gesto di grande valore affettivo sono le cose che il paziente apprezza particolarmente nella degenza ospedaliera, perché è grazie ad esse che si sente riconosciuto come persona; altrimenti è solo un corpo rotto da aggiustare.
La quantità è certificabile secondo parametri standard, la qualità invece si può apprezzare solo con l'esperienza personale: ma oggi siamo nell'era della tecnica, e la tendenza è di trasferire all'uomo l'efficienza senza passione che ci si attende dalle macchine. Il numero di giri di un rotore è misurabile, come la frequenza di emissioni d'onda o il tempo di reazione di una fotocellula; la dolcezza di un sorriso, l'intelligenza di una spiegazione didattica, l'umanità di uno scambio interpersonale non lo sono. Adottando il modello della tecnica rinunciamo alla qualità e facciamo trionfare l'esecuzione meccanica e la burocrazia che la certifica.
26.06.2011


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è