Il parere dello scrittore, alpinista e scultore Mauro Corona
"L'ipocrisia
non tutela la natura"
MASSIMO SCHIRA


"E da quando in qua la montagna non sarebbe stata sfruttata? Lo è da sempre! E chi dice il contrario, alpinisti compresi, è un bugiardo". È caustico, come d'abitudine, Mauro Corona. Ma dietro le amare constatazioni dell'alpinista, scrittore e scultore di Erto, nella valle del Vajont, in provincia di Udine, c'è un'esperienza di montagna di quelle fuori dal comune. Che comprende anche oltre 300 nuove vie aperte, soprattutto nelle Dolomiti. "Un vero alpinista queste cose non le racconta - spiega al Caffè -. Io stesso ho smesso di farlo, perché non mi interessa più. Ma lo sa, lei, che prima di Messner c'è stato un giapponese a scalare tutti e 14 gli Ottomila? No, non si sa, perché lui non lo ha mai detto. Parlare di montagne come l'Everest, poi, non ha alcun senso oggi, perché lassù, ormai, ci sono più rifiuti che altro".
Anche nei libri di Corona, il rapporto tra uomo e natura è spesso drammatico, fortemente condizionato dai ricordi della tragedia della diga del Vajont, che causò oltre 1900 morti. Una tragicità che emerge anche dalle parole dell'autore a proposito dell'evoluzione dell'alpinismo. "Prenda, ad esempio, il Festival del film di montagna di Trento - osserva -. Chi ci sarà dopo i Messner e i Corona? Nessuno, non c'è più nessuno a cui interessa. I protagonisti sono sempre quelli". Sui motivi che portano a questo disinteresse per un certo modo di vivere la montagna, Corona non ha dubbi. "Per non essere ipocrita, se dovessi andare domani a scalare l'Eiger, dovrei partire da Erto a piedi, così non inquino - dice -. Il resto sono discorsi di bella politica, fatti solo per lavarsi la coscienza".
Chiedere ad un personaggio come Mauro Corona se non c'è una sorta di contraddizione in termini tra il promuovere la montagna - rendendola "famosa" - e tentare di proteggerla, è come accendere una miccia. "Ma qui non si sta proteggendo proprio niente - sbotta -. La montagna si protegge in modo inversamente proporzionale all'evoluzione tecnologica. Andandoci, ripeto, a piedi. Quando ci sono interessi in gioco, non si protegge mai nulla".
05.05.2013


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00