L'Engadina torna al "centro" dell'inverno internazionale
Immagini articolo
Il mondo guarda
verso St. Moritz
MASSIMO SCHIRA


A scadenze regolari, St. Moritz conferma la sua capacità di vestire i panni della capitale svizzera dello sport. E anche in questo 2017 la più famosa tra le mete del turismo invernale in Engadina non si smentisce, visto che sulle piste del Corviglia andranno in scena, a febbraio (vedi articolo a lato) i campionati mondiali di sci alpino. Per la quinta volta dopo le edizioni 1934, 1948 (le medaglie olimpiche valevano anche quale titolo mondiale), 1974 e 2003. A conferma della leadership internazionale di St. Moritz come casa degli sport invernali. Un ruolo che guarda costantemente al futuro.
Dopo il "no" popolare alle urne di qualche anno fa per l’edizione 2022, anche i Giochi olimpici sono nel frattempo tornati d’attualità nei Grigioni. Con la conferma da parte delle autorità politiche dell’appoggio ad una candidatura per la grande kermesse degli sport invernali (olimpici e paralimpici) per il 2026. L’idea è quella di riportare la rassegna a cinque cerchi nel suo "habitat naturale" dopo due edizioni decisamente poco tradizionali come quelle previste a PyeongChang - Corea del Sud - nel 2018 e a Pechino nel 2022. Per St. Moritz sarebbe la terza olimpiade: un record.
Al di là delle dimensioni organizzative e logistiche ormai molto diverse da quelle della fortunata edizione del primo dopoguerra, già il progetto per il 2022 puntava su Giochi più sostenibili sotto ogni punto di vista. Nel 1948, quando St. Moritz diventò a tutti gli effetti il "centro del mondo" per quanto concerne gli sport invernali, nei Grigioni arrivarono 668 atleti provenienti da 28 Paesi, a disputarsi 22 titoli olimpici in 7 discipline. Nel 2014 a Sochi - tanto per chiarire l’evoluzione delle Olimpiadi - gli atleti sono stati 2.860, provenienti da 88 Paesi, con in palio 98 titoli in 15 discipline. La macchina organizzativa sarebbe dunque decisamente più importante.
Ma St. Moritz mantiene tutte le carte in regola per vestire nuovamente il ruolo di capofila in questo progetto diventato nel tempo sempre più ambizioso per costi e dimensioni. Lo conferma anche la multidisciplinarietà del centro turistico grigionese in fatto di organizzazione. Lo sci alpino, infatti, non è che uno dei punti di forza della stagione invernale. Accanto alle regolari gare di Coppa del Mondo, il bob riveste un’importanza centrale. La "Olympiabobrun" che scende sinuosa verso Celerina è da sempre sede dei maggiori eventi internazionali nelle varie discipline di scivolamento su ghiaccio. Oltre al bob, anche skeleton e slittino.
Vi sono poi gli eventi più "mondani", ma sempre legati allo sport. Ad esempio con i tornei di polo sulla neve o con la storica "White turf", una corsa di cavalli sulla neve che esiste fin dal 1907 e continua a mietere enorme successo. Sempre legato all’ippica, troviamo poi anche il concorso internazionale di salto a gennaio. Mentre a febbraio un fine settimana è dedicato ad un altro sport molto particolare, il cricket.
Considerando il fatto che l’attuale "schema" di un’Olimpiade invernale prevede 15 discipline, risulta comunque chiaro che non tutto potrà - in caso di organizzazione - essere svolto a St. Moritz, che sarebbe innanzitutto il "marchio" dei Giochi grigionesi. Già negli anni passati la necessità di collaborare con altre località era stata presa in considerazione. Restando nei Grigioni, Davos sarebbe già oggi pronta ad accogliere lo sci nordico, Lenzerheide e Arosa il freestyle e lo snowboard. Il tutto senza dover intervenire in modo invasivo. Sempre a Davos, il rinnovamento previsto per la pista di ghiaccio candida certamente la "Eishalle" ad ospitare gare di hockey e pattinaggio.
Sono poi sempre aperte le collaborazioni intercantonali. Si è spesso parlato ad esempio del Letzigrund di Zurigo come stadio per le cerimonie, mentre il "no" popolare al credito da 8,4 milioni per il recupero dello storico trampolino di salto con gli sci proprio a St. Moritz dello scorso settembre, riporterebbe in corsa Engelberg per questa disciplina.
Se i Giochi torneranno "a casa", insomma, sarà forse proprio grazie a St. Moritz.
08.01.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Ecco il nuovo volto
del terrorismo global
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il pane come simbolo
della condizione umana
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2016
24.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2017
22.03.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 22 marzo 2017 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
22.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2017
17.03.2017
Concorso per la nomina di direttori/direttrici e vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie
14.03.2017
Servizio circondariale dello
stato civile di Bellinzona: nuovi orari
A partire dal 3 aprile 2017 entreranno in vigore i nuovi orari di apertura dello sportello.
13.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della Statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2016
10.03.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da venerdì 10 marzo 2017 alle ore 14.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale
10.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2017 e quarto trimestre 2016
09.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2017 e quarto trimestre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Alluvione
in Perù
tre regioni
isolate

Francia
ucciso attentatore
all'aeroporto Parigi.
Era un francese

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch