Ecco cosa attendersi dagli elvetici ai Mondiali di St. Moritz
Gut punta di diamante
di una Svizzera forte
MASSIMO SCHIRA


Che nazionale vedremo sulle piste iridate di St. Moritz? E, soprattutto, quante medaglie porterà (o manterrà) a casa la squadra rossocrociata? Fare una previsione precisa non è affatto semplice, anche perché sui Mondiali "pesano" le classiche incognite legate alla "gara di un giorno". Ma l’impressione è quella di una nazionale con diverse carte importanti da giocare sulle nevi engadinesi. Alcune "sicure" come i 20 punti del "Bour" nel gioco dello Jass, altre più vicine al "Settebello" nella Scopa, che è un’ottima carta, ma nasconde delle insidie. Sempre sperando che a nessun atleta rossocrociato resti in mano il… due di picche.
Dopo la vittoria nella generale di Coppa del Mondo dello scorso anno, Lara Gut è certamente la punta di diamante indiscussa di questa nazionale piuttosto giovane. La ticinese è tecnicamente di una spanna sopra gran parte delle sue avversarie nelle prove veloci, dove però le incognite sono sempre dietro l’angolo e non si escludono le classiche sorprese di giornata. Lara può realisticamente puntare ad un posto sul podio in Super G, discesa libera e gigante, tutte discipline in cui ha già vinto e che la vedono costantemente tra le protagoniste. Se ne potrebbe anche aggiungere una quarta, ossia la combinata, ma in questo caso subentrano altri fattori, come la stanchezza e il fatto che la gara è posizionata prima del gigante e potrebbe indurre la ticinese alla prudenza. Molto dipenderà dall’esito delle gare veloci, dove qualche soddisfazione potrebbe arrivare anche da Fabienne Suter e dalla giovane Corinne Suter.
C’è poi un’altra carta interessante in campo femminile, ossia Wendy Holdener, che in speciale è sempre più vicina al livello di Michaela Shiffrin, anche se battere l’americana sembra "mission impossible" tra le porte strette. Con Holdener attenti poi a Michelle Gisin e Mélanie Meillard, sempre in slalom, mentre per il gigante le sorprese potrebbero avere il nome di Simone Wild e dalla stessa Meillard.
E tra gli uomini? Fare pronostici è ancora più difficile. Beat Feuz e Patrick Küng possono "colpire" nelle prove veloci, mentre Carlo Janka è una sorta di "mina vagante", che potrebbe far saltare il banco in modo improvviso, forte di una classe sopraffina. Per il resto, non si andrà oltre il "piazzamento", con Gino Caviezel, Justin Murisier e Loïc Meillard in gigante. E con la giovane squadra di speciale, con Daniel Yule a fare attualmente da capofila. Quante medaglie farà la Svizzera a St. Moritz? Azzardiamo: 6. Ma è più una speranza che un vero e proprio pronostico.
08.01.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe