Ecco le favorite e le possibili sorprese nella corsa al titolo
Immagini articolo
Le carte "scoperte"
delle otto ai playoff
MASSIMO SCHIRA


Presi nella loro cruda e semplice freddezza, i numeri emersi dopo 50 partite di regular season nell’hockey svizzero non lascerebbero presagire altro che una corsa per il titolo ridotta ad un affare tra Berna e Zurigo . Ai playoff iniziati ieri, sabato, infatti, le due capofila del campionato arrivano con un "margine statistico" notevole rispetto alla concorrenza. Attenti, però, perché nell’hockey i numeri dicono molto, ma non tutto. Perché non tengono conto dell’evoluzione e delle variabili che possono avere grande peso sul ghiaccio.
Un esempio su tutti riguarda la sfida dei quarti di finale tra Zurigo e Lugano. Se gli zurighesi arrivano allo scontro con i favori del pronostico, vanno evidenziati alcuni aspetti "in controtendenza" nelle prestazioni della formazione dello svedese Hans Wallson. Ad iniziare dalle difficoltà nelle situazioni speciali, con power play e penalty killing con medie da formazione sotto la linea. Una "breccia" nella corazzata zurighese di cui il Lugano potrebbe anche approfittare. I bianconeri sono infatti ben più efficaci con l’uomo in più sul ghiaccio e concedono meno rispetto agli Zsc anche in situazione di inferiorità numerica. La super difesa zurighese è particolarmente a suo agio in 5 contro 5, proprio una situazione in cui - secondo le cifre - soffre quella luganese. Eppure le ultime partite, anche in questo senso, hanno mostrato un’inversione di tendenza piuttosto marcata, con la formazione rimodellata da Greg Ireland a subire solo 7 reti nelle ultime 5 partite. Una media di 1,4 gol subiti a partita che indica come la via imboccata sia diversa rispetto a quella percorsa durante il resto della stagione, dove la media di gol incassati è stata "da playout", ossia 2,3 reti a partita.
Le carte in tavola, insomma, nei playoff possono cambiare in maniera piuttosto repentina. Senza dimenticare come l’altra grande favorita, ossia il Berna, abbia basato molte delle sue fortune offensive su un numero limitato di giocatori: Genoni, Arcobello, Untersander e Blum su tutti. Ma se questi dovessero calare con l’avanzare del "post season", ecco che anche in casa bernese la corsa al "bis" in campionato potrebbe complicarsi. Una situazione ideale per le outsider. Con lo Zugo, forte di una difesa solida e un portiere, Tobias Stephan, in stato di grazia, che ricopre certamente il ruolo di potenziale protagonista. Anche perché nella Svizzera centrale giocatori come Martschini, Diaz e Suri, oltre agli stranieri, possono crescere sensibilmente.
Un discorso simile può essere fatto anche per il Davos, vera e propria mina vagante dei playoff dopo una regular season di alti e bassi. I grigionesi di Arno Del Curto hanno dimostrato nell’ultimo periodo di campionato di essere in grado di cambiare marcia. Le sorprese in casa gialloblù non sono quindi da escludere e attenzione va certamente prestata anche al camaleontico Ginevra di Chris McSorley. Un po’ in calo sembrano invece le quotazioni di Losanna e Bienne, squadre che, tutto sommato, possono considerarsi soddisfatte per il percorso in campionato. Entrambe erano candiate a lottare per un posto tra le prime 8, posto che, tutto sommato, hanno conquistato con un certo agio.
Per concludere, riecco il Lugano. Che spera vivamente di ritrovare la verve realizzativa dei vari Klasen, Brunner e Martensson, oltre che, magari, di scoprire il "vero volto" dell’oggetto misterioso Patrick Zackrisson…
05.03.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel