La Formula 1
Immagini articolo
Nel Gp di Sochi
Ferrari davanti
MASSIMO MORO


Il duello tra Ferrari e Mercedes s’infiamma in Russia. Nelle qualifiche andate in scena, ieri, sabato, ad avere la meglio è stata la scuderia del Cavallino Rampante, con Sebastian Vettel che ha colto la pole position davanti al compagno di scuderia Kimi Raikkonen.
Non si vedeva dal Gran Premio di Francia del 2008, quando Raikkonen e Massa, riuscirono a far segnare una prima fila tutta rossa. "La sessione è iniziata bene, ma nella seconda parte delle qualifiche ho perso un po' il ritmo, ma sul finale mi sono migliorato  - ha sottolineato Vettel -. Sapevo che sarebbe stata una lotta ravvicinata e quando ho sentito che avevo ottenuto la pole position ero al settimo cielo. Sono felice di questa macchina, che va benissimo. Essere tutti e due in prima fila è il frutto del grande lavoro di squadra".
Una pole position importante quella ottenuta dal tedesco, che potrebbe permettergli di aumentare il divario su Lewis Hamilton Non solo nel numero di vittorie conquistate in stagione, ma soprattutto nei punti nella classifica del Mondiale. Sul tracciato di Sochi, il britannico non ha certamente brillato, visto che il suo compagno, il finlandese Valtteri Bottas è riuscito a cogliere la terza posizione, relegandolo al quarto posto sullo schieramento di partenza. "Sarà un Gran Premio molto complicato - ha commentato il britannico -. Le Ferrari sono molto veloci, non solo in qualifica, ma anche in gara. Io faccio più fatica, anche perché loro riescono a sfruttare al meglio le gomme. Adesso vedremo in gara, ma per ora non conosciamo l’origine delle nostre difficoltà. Ecco perché abbiamo ancora molti problemi che causano questi distacchi".
Nuova delusione in casa Sauber che è finita nelle retrovie, con Pascal Wehrlein diciottesimo, davanti a Marcus Ericsson.
30.04.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel