Silke Pan, paraplegica, sarà ai Giochi paraolimpici 2020
Immagini articolo
"La vita è un'acrobazia
l'importante è ripartire"
ANDREA BERTAGNI


Silke Pan sorride. Alla vita, soprattutto, che nel 2007 gli ha portato via l’uso delle gambe. Ginnasta e poi acrobata, Silke, 45 anni, di origini tedesche ma cresciuta in Svizzera, il 24 settembre di 11 anni fa era attaccata ad un trapezio a Gardaland, il parco di divertimenti in provincia di Verona. È caduta e si è fratturata la decima e l’undicesima vertebra dorsale. "Quel giorno - ricorda - volevamo aggiungere qualche difficoltà a un numero di volteggio. Quando mi sono risvegliata all’ospedale non mi ricordavo più nulla, pensavo di essere in un nuovo spettacolo di cui non ricordavo il nome. Poi, ho sentito mia madre parlare con i medici". Per Silke, dopo 15 anni passati a calcare i palcoscenici di mezza Europa, quella poteva essere la fine. Invece è stato un nuovo inizio. Con in mezzo tanto impegno, disciplina e coraggio.
Smessi i panni dell’artista circense, Silke, ripresasi dall’incidente, ha indossato quelli della sportiva d’élite, gareggiando con la handbike e la bicicletta a braccia in Coppa europa e Coppa del mondo. "In effetti mi sono difesa piuttosto bene, vincendo numerose competizioni, tanto che ancora oggi detengo il miglior tempo mondiale alla maratona del 2013". Ma non si è certo fermata qui. Nel 2015 partecipa ai Campionati del mondo e arriva seconda alla finale della corsa in linea. Nel 2017, dopo aver gareggiato sempre con la nazionale tedesca, ottiene la cittadinanza svizzera, che gli viene consegnata dal consigliere federale Johann Schneider-Ammann. "È venuto da Berna solo per me e mi ha emozionato molto", dice. Il 2017 è anche l’anno della vittoria al Giro d’Italia. "Ora - riprende - mi piacerebbe partecipare ai Giochi paraolimpici del 2020 per il Paese in cui sono cresciuta, la Svizzera appunto. La paraplegia mi ha tagliata in due, ma non voglio far morire la metà del corpo che mi è rimasta". Particolare non da poco, Silke ha 45 anni. Tanti? Non per lei che ha compiuto un’impresa che ha dell’incredibile: la scalata di 28 passi dei Pirenei in soli dieci giorni. Tutto questo con la sola forza delle braccia e nonostante 1.800 metri di dislivello e 800 chilometri di pedalate. L’anno prima era stata la volta dei sette passi alpini francesi e italiani.
Sempre l’anno scorso Silke raccoglie un’altra sfida. L’ennesima. Questa volta per la scienza. La scuola politecnica federale di Losanna costruisce per lei un prototipo di acciaio e tecnologia che le permette di ritornare a usare le gambe. Prototipo che, se si rivelerà affidabile, potrebbe essere presto commercializzato e aiutare chi come lei ha perso l’uso delle gambe. "Oggi la sedia a rotelle non è ancora un’amica - dice - ma ho imparato a conviverci".
Un’altra battaglia vinta è quella contro l’assicurazione malattia che si era opposta al pagamento di mezzo milione di franchi per le cure mediche con il pretesto che non abitava in Svizzera. "In quel periodo ho vissuto in un container nel giardino di mia madre".
Anni difficili che Silke ha affrontato con la consueta determinazione. Anche se le difficoltà non mancano. "Quando mi ferisco ad una gamba, spesso è dentro al mio ventre che sento il dolore. La mia pancia è sovente la frontiera tra il reale e il non reale". E Silke sorride anche quando dice: "La vita mi ha tolto una parte importante del mio modo di esprimermi, ma non ho voluto esserne vittima. Se invece fossi rimasta ancorata al passato avrei fallito. Ho abbracciato il cambiamento, senza subirlo". E conclude: "Certo, è una sfida difficile, lo so bene, ma volevo mantenere la mia forza di volontà, cosciente che occorre allenarla, sempre, altrimenti ci si impigrisce e ci si fa prendere dallo sconforto. Ora accetto le difficoltà e le trasformo in azioni positive. Solo così si può andare avanti".

abertagni@caffe.ch
09.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14