function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Il ponte gastronomico di Josi tra Africa e Svizzera
Immagini articolo
"Il nostro matrimonio?
Un'alleanza di sapori"
PATRIZIA GUENZI


Questa è la storia di un matrimonio ben riuscito, d’amore e  di "interessi", che ha dato vita ad un’impresa familiare di shop online, la Gakomo. Josi Kaeser, 36 anni, originaria del Camerun, e Laurent, svizzero, 42, si conoscono nel 2008 a Friborgo. Lei si è appena trasferita, lui, che ha un lavoro nell’ambito della comunicazione, ci vive da sempre. S’innamorano, si sposano e oggi hanno tre figlie. Josi però non ha mai dimenticato la sua terra, che in fondo non conosce granché, ammette. Se n’è andata bambina, adottata da uno zio residente in Francia. Ma del Camerun ricorda che è una terra fertile, dove c’è, assicura, "il miglior pepe nero del mondo". Quello famoso, di Penja. Una spezia d’eccezione, la prima ad avere ottenuto un’Ipg, indicazione geografica protetta sul continente africano, un marchio di origine attribuito dall’Unione Europea. Gli chef a cui Josi l’ha fatto assaggiare concordano. Un gusto unico. Da lì, poco ci è voluto perché anche Laurent intravedesse il business e si lasciasse convincere dalla moglie a commercializzare non solo il pepe Penja, ma anche altre prelibatezze, attraverso la Gakomo, nata sei mesi fa. "Beh, in un certo senso il nostro matrimonio è un’alleanza meticcia, un incontro tra amore e gastronomia", scherza Josi. E la coppia quest’estate ha deciso di fare il salto: creare una sorta di ponte tra i due Paesi.
Lo scorso luglio, bimbe al seguito, i coniugi Kaeser sono partiti direzione Africa. È da lì che rispondono: "Adesso siamo in Senegal, dopo Madagascar, Kenya e Mali questa è la terza tappa di un viaggio che durerà un anno", dicono. Ma non è solo un viaggio di lavoro. "Voglio riconnettermi con le mie radici - spiega Josi -, far conoscere il mio paese alle bambine. Poi, sì, certo, anche scoprire altri prodotti da vendere in Svizzera". Un’occasione per sfatare alcuni luoghi comuni. "Qui, ad esempio - riprede Josi -, la Svizzera è vista come un paradiso. È vero per alcune cose. Non per tutte". E ricorda la sua esperienza di infermiera ospedaliera, "dove molte persone soffrono e muoiono sole; cosa che non accade in Africa. Ecco, noi abbiamo questa ricchezza, anche se probabilmente neanche la vediamo".
Un matrimonio gastronomico quello tra Josi e Laurent che promette ancora grandi sorprese. "Tanti sono i prodotti che potremmo esportare e vendere in Svizzera. Creare così qualcosa di economicamente interessante anche per gli abitanti del Camerun - dicono -. In pochi sanno il lavoro che ci sta dietro il pepe nero di Penja. Occorrono sette anni prima che una pianta dia dei frutti e il gusto dipende dalla terra. Che va scelta con cura, dentro perimetri precisi. La raccolta si fa a mano, e anche la selezione".
Un impegno che ora la coppia vuole valorizzare, "attraverso la nostra impresa, Gakomo, un nome che racchiude la nostra alleanza: significa ‘ti amo’ in Bayangam, la mia lingua. Qui da noi la fortuna si coltiva e si condivide". Come il pepe nero di Penja, carattere selvaggio, gusto piccante pronunciato e un sapore che resta a lungo sul palato. Così viene descritto. "Possiede delle note legnose, ambrate e muschiate", aggiunge orgogliosa Josi.
Il giro in Africa della coppia si può seguire sul web (gakomo.ch). Lo fanno, ad esempio, i compagni di scuola delle tre bambine, attraverso dei video e dei dossier sui prodotti man mano scoperti e messi in rete. "Stiamo incontrando tante persone, le ascoltiamo raccontare storie e aneddoti, descrivere i loro prodotti... - riprende Josi -. Abbiamo pensato che Gakomo potrà commercializzare anche frutta secca e tante altre spezie. Gli imballaggi saranno fatti sul posto e il nome del produttore messo in evidenza". Ma la giovane donna ha ancora altro nella testa. "Importare delle stoffe, pregiate, prodotte dagli abitanti del posto. Moda e gastronomia, ecco, questo è il mio sogno". pguenzi@caffe.ch
28.10.2018


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
07.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 19 ottobre 2020
05.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2020
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Cina, ovvero "Fabbrica"
per un mondo malato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tutte le ipotesi in campo
dopo la guerra più lunga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo, ambiente e clima
portano alla nuova umanità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Accordo
fra Israele e Sudan
per normalizzare
le relazioni

Repubblica Ceca,
ospedale da campo
contro il Covid-19
a Praga

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00