Tzvetana Messerli, ballerina 74enne, che gira la Svizzera
Immagini articolo
"Con il mio tutù danzo
cercando la giovinezza"
ANDREA BERTAGNI


Tutù rosa e ballerine bianche, Tzvetana Messerli danza per le strade della Svizzera sulle note di un adagio in sol minore di Tomaso Albinoni e Remo Giazotto. "Danzare mi rende felice - dice con voce squillante - e mi fa anche bene alla salute".
C’è da crederle. Tzvetana Messerli non è una ballerina alle prime armi. Ha 74 anni. E un fisico ancora atletico. Altrimenti non riuscirebbe a completare il suo balletto, che dura più di 7 minuti.
Che sia primavera, estate o autunno non importa. Lei, balla sempre. Sceglie una strada che le sembra adatta. Accende il registratore e il sipario si alza. Magari accade davanti a un negozio. Altre volte in una piazza.
Solo in inverno si prende una pausa. "Quando la temperatura scende sotto i 10 gradi - spiega - ci rinunicio". A malincuore, verrebbe da dire. Anche perché per Tzvetana danzare è quasi tutto. Una passione iniziata quando era bambina in Bulgaria. Grazie anche alla madre che di professione era cantante. Il padre, docente di chimica e biologia, non è invece stato così determinante nella sua carriera.
"Ho frequentato una scuola di balletto fino all’adolescenza, poi ho continuato da autodidatta", puntualizza con orgoglio. Trasferitasi in Svizzera, e più precisamente a Berna, dove si è sposata, non si è più fermata. Berna, Basilea, Neuchâtel, Ginevra, Bienne. Tzvetana percorre il Paese in lungo in largo.
"Sono venuta anche in Ticino, ad Ascona - precisa, sorridendo - è stato bello, anche se ho avuto alcune discussioni con la polizia, che non capiva cosa stessi facendo e perché: ci tornerò comunque sicuramente l’anno prossimo".  
Chi la osserva danzare per strada, il più delle volte rimane a bocca aperta. "Molti si avvicinano per farmi i complimenti - prosegue - cominciano a parlarmi, a raccontarmi delle loro passioni, altri mi danno da bere e da mangiare, qualcun altro qualche spicciolo". Soldi che Tzvetana reinveste nella danza, rinnovando il suo guardaroba e soprattutto le scarpe. "Si rovinano molto sull’asfalto, non posso farci niente, vanno cambiate spesso".
Poco lontano, suo marito Ernest, che di anni ne ha 85 e a volte l’accompagna, ricambia lo sguardo. Che, poco dopo, si sposta sui suoi lunghi capelli bianchi. Sì, Tzvetana sembra davvero una protagonista di un romanzo d’altri tempi. Di quelli che vivono su una nuvola e fanno felici chi gli sta attorno. "Ballare è come una terapia per il buonumore - afferma - che dà nutrimento all’anima e al corpo". Ernest, barba bianca e ciuffo ribelle, annuisce soddisfatto. Tocca a lui spegnere e accendere il registratore, quando la moglie si esibisce. È la sua spalla. E sembra andarne fiero.
Un’energia che si espande anche ai passanti. Come a Genova, che Tzvetana ha voluto raggiungere per diffondere un po’ di serenità agli abitanti, colpiti dal crollo del ponte Morandi. "Ho danzato sulla passeggiata della città, mi è sembrato giusto andarci, dopo tutto quello che è successo". Chissà se ha diffuso buonumore anche lì. Sicuramente sì.
Tzvetana si allontana un attimo. Quando torna ha sottobraccio un thermos. "Ogni giorno bevo almeno tre tazze di thé Jiao-gulan - afferma - sono come un elisir della giovinezza: quando ballo mi sento 30 anni di meno".
Ecco perché non esiste la parola vergogna. O neppure imbarazzo quando si esibisce per strada. Tutto il resto non esiste. Si spegne.
A vivere è solo la sua voglia di liberà e di movimento. Un movimento in punta di piedi e piroette. Che l’ha portata a compiere centinaia di chilometri in giro per il nostro Paese. Dove ha già tanti fan. Che la conoscono e l’apprezzano. E forse provano anche un po’ di invidia per una donna che non ha mai smesso di seguire il suo cuore. Vero motore della vita. E della giovinezza.

abertagni@caffe.ch
02.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14