Marco Pacciorini, 90enne appassionato di mineralogia
Immagini articolo
"Ho passato la mia vita
a rintracciare cristalli"
ANDREA BERTAGNI


È come andare a funghi: so benissimo dove cercare i cristalli e dove trovarli". La voce squillante, gli occhi vivaci, Marco Pacciorini di Bellinzona  ha 90 anni ma non li dimostra. Come se, avendo passato tutta la vita in montagna, in qualche modo il suo fisico si fosse temprato. Sì, perché Pacciorini non conosce solo le vette come le sue tasche. Lui nelle montagne ci entra dentro. E non per lavoro, per passione. Una passione per la mineralogia lunga 50 anni. "Oggi ho appeso gli strumenti al chiodo - dice - mi occupo del giardino di casa". Ferrovierie e poi capotreno, Pacciorini ha cominciato quando era ragazzino. "Ai miei tempi non c’era molto da fare - racconta- alla domenica si andava con gli scout nei boschi e sui monti: ho iniziato così e non mi sono più fermato".
Cerca di qua, cerca di là a un certo punto Pacciorini trova la sua miniera d’oro in cima alla Valle Bedretto, sul passo della Novena. È la svolta. Armato di pala e piccone fa delle scoperte che lo fanno diventare famoso. Merito dei cristalli aghiformi che giorno dopo giorno arricchiscono la sua collezione. La notizia degli esemplari rarissimi di brannerite, di rutilo, di berillo e di vraninite che escono dalla cava arriva fino a Zurigo. E alle orecchie dei collezionisti di tutto il mondo che pur di averli offrono a Pacciorini cifre da capogiro. "Non c’è un pezzo migliore di altri - precisa - sono tutti belli: impossibile fare una classifica". Oggi la sua collezione di cristalli della Valle Bedretto è stata venduta all’imprenditore Ennio Ferrari. Molti altri sono conservati nei musei, anche a Lugano.
"ll nostro Cantone custodisce gemme bellissime, ma nessuno se ne accorge - precisa con una punta di amarezza - le mie scoperte hanno fatto il giro del mondo ma in Ticino non sono state capite completamente". Pacciorini non punta il dito contro qualcuno in particolare. "Siamo fatti un po’ alla nostra maniera. Prendiamo la brannerite: prima di me nessuno aveva trovato la sua forma cristallizzata. Quando l’ho scoperta mi chiamavano a Zurigo, erano felicissimi: qui l’entusiasmo non era poi molto". Pacciorini si interrompe. Guarda lontano. Lo sguardo assente. Ma è un attimo. Perché poi continua a raccontare. Ed è ancora un racconto denso di amarezza. "Nella zona del lago Tremorgio in Leventina avrò trovato almeno 500 pezzi di scapolite nobile: un silicato di calcio molto raro che si trova prevalentemente nei calcari e nelle dolomie, quasi introvabile. Ebbene, anche questi ritrovamenti sono passati quasi sotto traccia, non dico nell’indifferenza, ma quasi". L’amarezza se ne va come è arrivata. In un istante Pacciorini torna il cercatore di cristalli entusiasta. "Nella mia vita ho cercato di tutto - continua - anche vasi etruschi: non ci potevo fare niente, la mia mente non stava ferma un attimo, dovevo sempre cercare qualcosa". A un certo punto decide di condividere la sua passione con gli altri. Apre la cava sul passo della Novena al pubblico. Organizza visite guidate, passeggiate. Offre a tutti l’opportunità di mettersi a scavare. "Ho ancora quella concessione - sottolinea - ma non sono più sul posto, ovviamente: ho lasciato tutto in eredità a due svizzeri tedeschi che conosco. Spero che abbiano il mio stesso rispetto per la montagna: per me è quasi sacra".
Sicuramente spirituale è un’altra scoperta. Sempre attribuita a Pacciorini. Quella di un masso coppellare che l’esperto Franco Binda certifica e cataloga. "Sono massi con segni particolari - osserva - possono risalire all’età del ferro, hanno significati non ancora ben definiti: topografico-catastali, magici, devozionali. Tra i possibili segni, la forma più diffusa è la coppella: un’incavatura a fondo convesso di diametro e profondità variabili". Su quello scoperto da Marco Pacciorini, l’artista Manolo Piazza ha ricavato dei disegni. Faranno parte di un’esposizione che in giugno sarà allestita nella galleria d’arte del figlio di Marco, Massimo, a Giubiasco.

abertagni@caffe.ch
10.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è