function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Paul Schneller, il veterinario che cura rettili, topi e uccelli
Immagini articolo
"Quegli animali esotici
per me sono una sfida"
ANDREA BERTAGNI


Sul lettino del veterinario Paul Schneller di Binningen, vicino a Basilea, si "sdraiano" tartarughe, lucertole, uccelli, roditori, serpenti. Sembra un film ma è tutto vero. Paul Schneller è un dottore di animali esotici. Potremmo quasi dire "il", visto che è uno dei pochi in Svizzera. Di sicuro il più spiritoso. "Vedo solo vantaggi nel mio lavoro - dice al Caffè -, pitoni e vipere a differenza di cani e gatti non abbaiano e non graffiano". Sarà anche così, ma intanto il rischio è sempre dietro l’angolo. Schneller torna serio. "Quando devo maneggiare un cobra faccio molta attenzione, sono sempre molto prudente e mi concentro come se dovessi affrontare una gara di corsa".
Il veterinario minimizza. Ma operare rettili e pipistrelli non è da tutti. Anche perché il più delle volte bisogna improvvisare, non esistendo apparecchiature e dispositivi appositi. "Per intubare un drago barbuto una volta ho dovuto usare un catetere, quello solitamente utilizzato in medicina umana - ricorda -. Del resto molto di quello che so l’ho imparato strada facendo, sul campo, grazie all’esperienza". Dopo una formazione all’ospedale veterinario di Zurigo e a Lipsia, Schneller ha lavorato per una clinica di riabilitazione per cavalli. "Ma l’ambiente - spiega - non mi piaceva, tutti credevano di essere i migliori veterinari del mondo. Non mi sentivo nel posto giusto e me ne sono andato".
Schneller passa dunque in un’azienda farmaceutica e ci resta per 13 anni. Addirittura si lancia nell’imprenditoria, aprendo una propria azienda di farmaci. Sembra un successo. E in effetti lo è. Poi, però, risente quel richiamo. Riemerge la  sua vera passione. "Non volevo però occuparmi di cani e gatti - osserva - c’erano già molti bravi colleghi. Il caso ha voluto che mi imbattessi in un negozio di animali esotici: è stato il classico colpo di fulmine".
Purtroppo era tutto nuovo. "Non avevo nessuna idea, ho dovuto studiare e studiare ancora. Ma lo ricordo come un bel periodo della mia vita, affascinante dal punto di vista intellettuale". Passano gli anni e la competenza di Schneller, così come la sua fama, crescono. Tanto che oggi è considerato un punto di riferimento per gli appassionati di rettili e simili a Basilea e anche nelle zone di confine di Francia e Germania. Ogni giorno c’è comunque una nuova sfida da affrontare, un altro animale da curare. "È difficile riuscire a capire se rettili e uccelli sono ammalati - spiega -, per fortuna ad accorgersene è il proprietario. Solo lui può rendersi conto se qualcosa non va, se ad esempio una lucertola non ha appetito o non esce più dalla sua tana".
Non trattandosi di animali comuni, per i quali esiste una vasta letteratura, risulta sempre abbastanza complicato fare una diagnosi. "Molto spesso ci sono di mezzo parassiti e infiammazioni polmonari - prosegue Schneller -, altre volte, anzi, il più delle volte, spesso si ammalano perché non sono tenuti in condizioni adeguate al loro stile di vita". Una lucertola che proviene da una zona desertica deve avere un habitat che rispecchi il suo ambiente naturale. "Non può essere messa in un terrario umido come una foresta tropicale!", osserva il medico. Servono insomma conoscenze. E molta attenzione. Altrimenti il rischio è quello di fare più male che bene al proprio ospite di casa. "Tenere un animale in gabbia o in un terrario non vuol dire fare il suo bene, anzi, è un gesto parecchio egoistico - sostiene -, gli appassionati dovrebbero tenerne conto e prendersi cura dei propri ‘ospiti’ nel miglior modo possibile".
Con tartarughe, lucertole, uccelli, roditori, serpenti, insomma non si scherza. Non soltanto perché a volte possono fare paura o suscitare ribrezzo. Ma soprattuto perché come tutti gli animali hanno bisogno di essere rispettati e curati con attenzione e affetto.
abertagni@caffe.ch
18.08.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00